Il Giornale della Bellezza

il Network

Sin dalla sua prima comparsa al braccio di Lady Diana, la leggendaria borsa Lady Dior è stata la protagonista di una storia senza precedenti.

Le varie versioni di questa borsa prendono vita per mano dell’eccezionale maestria artigianale degli atelier italiani della Maison Dior, che continuano costantemente a ripensarne l’estetica e a spingersi verso nuovi orizzonti, realizzando ogni dettaglio con straordinaria minuzia e facendo di ogni creazione un pezzo unico.

E a proposito della maestria e dell’ esperienza della Maison, ci chiediamo perché la nota casa di Moda non inizi a valutare l’idea di utilizzare materiali Vegan e Cruelty Free. È possibile che nel 2021 si debba ancora ricorrere all’uso di pelle di animale? Non esistono valide alternative dalle elevate qualità? Lady Dior è infatti composta da pelle di agnello ed è proprio questa la motivazione per la quale non consiglierei ne acquisterei questa borsa.
Pagare 3900€ per una borsa, sicuramente bellissima e leggendaria, ma che proviene dalla pelle di un piccolo animale, No Dior! Nonostante ognuno sia libero di comprare ciò che vuole, oggi più che mai dovremmo avere maggiore consapevolezza di ciò che acquistiamo. La Lady Diana del XXI secolo secondo voi non si sarebbe posta questo quesito? Spero vivamente che Maison Dior possa trovare presto delle valide alternative Cruelty Free.
© Riproduzione Riservata

Lascia un commento