Il Giornale della Bellezza

il Network

Novità

NEL NOME DELLA BELLEZZA: GUERLAIN ENTRA NELL’UEBT

Maison Guerlain si impegna a reperire le sue materie prime tutelando l’Umanità e la biodiversità.

Fondata nel 2007, l’UEBT è un’organizzazione non governativa molto nota su scala mondiale per i suoi standard sulle pratiche di approvvigionamento etico di ingredienti prodotti sulla base della biodiversità. In quanto membro dell’UEBT, la Maison Guerlain si impegna a reperire le sue materie prime tutelando l’Umanità e la biodiversità. L’affiliazione contribuirà alla determinazione di nuovi obiettivi e al miglioramento dei metodi di approvvigionamento per garantirne la conformità allo standard UEBT, in termini etici e di rispetto della biodiversità. Il fatto che una Maison del settore del Luxury, come Guerlain, abbia oggi deciso di perseguire questo obiettivo etico dà un forte messaggio.

Dal 1828, la Natura è la fonte di ispirazione dei prodotti Guerlain. Nel corso degli anni, la preservazione della biodiversità è diventata uno dei pilastri del suo impegno sostenibile. Entrando a far parte dell’UEBT, la Maison ha aperto la strada a nuovi orizzonti. I quaranta canali di approvvigionamento più significativi di Guerlain saranno ispezionati uno a uno. Tra questi, per esempio, il fornitore di bergamotto, mandarino e neroli in Calabria (Italia) e i fornitori delle più pregiate rose di Damasco, di Isparta (Turchia) e Kazanlak (Bulgaria). Saranno implementati dei piani di miglioramento per uno sviluppo sostenibile che consentiranno a Guerlain di ampliare, insieme a tutti i suoi produttori e fornitori, l’attuazione di metodi etici e rispettosi dell’ambiente nell’approvvigionamento di materie prime naturali. Grazie a questo approccio teso al progresso continuo, Guerlain intende avere catene di fornitura certificate secondo lo standard UEBT entro il 2026. La certificazione UEBT promuove pratiche che rispettano la biodiversità, ne contrastano la scomparsa e proteggono i diritti
dei lavoratori e delle comunità.

Cecile Lochard – Sustainable Development Director Guerlain

Per Guerlain, le materie prime sono una fonte di ispirazione e rinnovamento sin dalla fondazione della Maison. È evidente la necessità di attivarsi a protezione della biodiversità, garantendo la qualità e la sostenibilità delle nostre creazioni e del nostro savoir-faire e ricambiando i doni che la Natura ci ha offerto. Oggi siamo fieri di poter ampliare questo impegno con il contributo dell’UEBT, che ci consente di coordinare le nostre iniziative alla luce delle nuove aspettative, sostenute da obiettivi ambiziosi, della Società e dei clienti. Lo standard UEBT include una serie di criteri sociali, ambientali ed economici. La loro realizzazione non può prescindere da una partecipazione attiva alla preservazione della diversità degli ecosistemi e dall’aiutare le comunità di tutto il mondo a condurre vite dignitose e sane.” Cecile Lochard – Sustainable Development Director Guerlain

La Mission di Guerlain. Guerlain crea profumi e prodotti di bellezza straordinari dal 1828 e si impegna preservare, sviluppare e trasmettere questa eredità unica. Nel nome della Bellezza, agisce in modo da elevare la Natura a un’Arte impegnandosi a tramandarne le meraviglie alle generazioni future con l’aiuto delle nostre sentinelle, le Api. Inoltre il brand coinvolge e unisce clienti e partner che
condividono la loro stessa visione per immaginare e plasmare un mondo più bello e responsabile.

Rik Kutsch Lojenga – UEBT Executive Director

Vedere un importante brand luxury come Guerlain esprimere il proprio impegno verso un approvvigionamento etico, rispettoso delle persone e della biodiversità, è qualcosa di straordinario. Dedicandosi a migliorare la fornitura degli ingredienti di origine naturale in conformità a uno standard riconosciuto su scala internazionale, Guerlain conquista una posizione di prima linea nel settore. Può così rispondere alle richieste crescenti dei consumatori di oggi, che si rivolgono a brand capaci di proteggere non soltanto la biodiversità, ma anche le comunità che rendono possibili la crescita e la raccolta delle materie prime. Rik Kutsch Lojenga – UEBT Executive Director

L’UEBT ha istituito uno standard etico per il “biocommercio” basato sui principi della BioTrade Initiative della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD). Aggiornato con regolarità, questo standard approfondito è in linea con le finalità della Convenzione sulla diversità biologica (CBD) e gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Per poter diventare membri UEBT, le società devono impegnarsi a servirsi di un approvvigionamento rispettoso dei seguenti 7 principi:

1. Conservazione della biodiversità.

2. Uso sostenibile della biodiversità.

3. Condivisione equa e giusta dei benefici derivanti dall’uso della biodiversità.

4. Sostenibilità socio-economica.

5. Conformità alle norme e agli accordi nazionali e internazionali.

6. Rispetto dei diritti dei lavoratori e delle comunità.

7. Chiarezza sulla proprietà della terra, sui diritti d’uso e sull’accesso alle risorse naturali.

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento