Il Giornale della Bellezza

il Network

La solidarietà si tinge di rosa, per tutto il mese di Novembre i soci e i clienti COOP potranno sostenere con l’1% degli acquisti di prodotti Coop della linea Solidal i centri antiviolenza e le associazioni che si occupano di donne vittime di abusi.

Coop Alleanza 3.0 continua il suo impegno al fianco delle donne vittime di violenza e su questo fenomeno gravissimo torna a puntare i riflettori, il 25 novembre, la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. 

I centri antiviolenza e le associazioni che si occupano di donne vittime di abusi potranno essere sostenuti anche acquistando le Confetture Frutti di Pace: dal 24 al 30 novembre per ogni vasetto, Coop donerà 50 centesimi a queste realtà presenti sul territorio. Le confetture sono prodotte da Insieme, una cooperativa che nasce nel 2003 a Bratunac e Srebrenica con lo scopo di favorire il ritorno a casa dei profughi della ex-Jugoslavia, attraverso un’attività basata sulla coltivazione di piccoli frutti nelle fattorie di famiglia riunite in cooperativa. Inoltre, per tutto il mese di novembre nei negozi della Cooperativa i sacchetti del pane saranno portatori del messaggio Per molte donne la violenza è pane quotidiano e del numero antiviolenza nazionale 1522, un modo per ricordare come chiedere aiuto.

 Nel 2019, grazie a “Noi ci spendiamo, e tu?”, Coop Alleanza 3.0 ha sostenuto con un contributo complessivo di oltre 90.000 euro un totale di 37 centri territoriali nelle regioni in cui è presente.

L’emergenza generata dall’epidemia di Coronavirus ha inoltre accresciuto il rischio di violenza sulle donne: secondo fonti Istat il numero delle chiamate sia telefoniche sia via chat nel periodo compreso tra marzo e giugno 2020 è più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+119,6%), passando da 6.956 a 15.280. La Cooperativa ha infatti deciso di rispondere concretamente all’appello “Non sei sola!” lanciato della rete dei centri antiviolenza e delle associazioni che si occupano di donne vittime di abusi, sostenendo complessivamente con 50 mila euro le associazioni del proprio territorio che aiutano le donne in difficoltà con le quali collabora durante tutto l’anno.

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento