Il Giornale della Bellezza

il Network

Bellezza e cura della pelle sopratutto durante lockdown! E’ vero che sono cambiate al momento le nostre abitudini ma è pur vero che, in questo periodo di house working, in cui dobbiamo rimanere a casa, abbiamo molto più tempo a disposizione, per cui se prima molte donne utilizzavano la scusa del “non ho tempo per prendermi cura di me”, adesso non c’è scusa che tenga, ma come possiamo prenderci davvero cura della nostra pelle? Ce lo spiega la Dr.ssa Nathalie Broussard Direttrice della Comunicazione Scientifica di Shiseido.

Dr.ssa Nathalie Broussard

Soltanto perché rimaniamo in casa tutto il giorno non significa che la nostra pelle sia protetta. Sicuramente non è sottoposta alle usuali aggressioni dei raggi UV e dell’inquinamento, ma il lockdown ha un impatto negativo sulla nostra pelle: il caldo secco degli impianti di riscaldamento, aggressivi ma ancora necessari all’inizio della primavera, i numerosi agenti inquinanti interni, provenienti in gran parte dalla cucina…

Ma il più grande impatto sulla pelle in questo momento deriva dallo stress di essere rinchiusi in casa. Questa tipologia di stress è stata misurata in uno studio condotto nel 2018 da JAXA (Japan Aerospace Exploration Agency – Agenzia Giapponese per l’Esplorazione Aerospaziale) insieme a Shiseido, su 23 persone sottoposte alla quarantena per 15 giorni. Durante questo esperimento, i livelli di stress e agitazione hanno raggiunto valori più alti del normale con effetti visibili sulla pelle, inclusi la riduzione della funzione protettiva, l’incremento della produzione di sebo e l’aumento dei fattori infiammatori. Di conseguenza, la pelle ha riscontrato problemi nel mantenersi idratata, diventando molto più fragile ed estremamente sensibile all’eccesso di sebo, che tende a ossidarsi. In aggiunta, mano a mano che i muscoli del viso si facevano sempre più tesi, le espressioni facciali, in particolare il sorriso, diventavano asimmetriche.

Per coloro che non sanno come impiegare tutto questo tempo a casa, lo skincare può essere una soluzione utile. Per coloro che invece si destreggiano tra lavoro e famiglia, può diventare una sfida. Ma in questi tempi duri, potrà sicuramente essere una fonte di benessere, calma e gioia per tutti noi.

Secondo la Dott.ssa Nathalie Broussard, le regole d’oro per ottenere una pelle splendida sono ben 3, ovvero la detersione profonda, combattere lo stress dall’inquinamento e la gestione dell’aria fresca.

1. Detersione profonda:

All’esterno, la pelle è esposta all’inquinamento urbano. A casa, affronta gli agenti inquinanti interni, specialmente se si cucina molto. Il tempo occupato in cucina espone la pelle alle particelle volatili che ne ossidano il tessuto e ne aumentano il livello di infiammazione. Due studi cinesi* hanno anche dimostrato che alcune particelle provenienti dalla cucina portano all’aumento dei segni dell’invecchiamento della pelle, soprattutto le rughe e le macchie brune.

Per questo è importante eliminare completamente tutte queste particelle e altre impurità nocive, per cui al mattino è fondamentale rimuovere il sebo prodotto naturalmente la notte dalla nostra pelle con un detergente in schiuma.
Se invece ci siamo truccate per partecipare a una video call, la sera è meglio effettuare una doppia detersione. Iniziare ad eliminare il make-up con un olio struccante, e successivamente sciacquare con un detergente in schiuma per eliminare l’accumulo di agenti inquinanti.

2. Combattere lo stress dall’interno:

Non è un segreto che lo stress da isolamento abbia un forte impatto sulla pelle, ma allo stesso modo agisce lo stress in generale, come è stato studiato per oltre 30 anni dal Dr. Hosoi, Ricercatore Senior di Shiseido.
Egli ha dimostrato che lo stress rallenta il recupero delle funzioni barriera (che rendono la pelle più reattiva) portando al calo della produzione dei cheratinociti, diminuendo così il rinnovamento cutaneo e causando grandi danni al sistema di difesa della pelle. In sintesi, rilassati (o almeno provaci) e dona calma alla pelle.

Tra i prodotti fondamentali nella skincare routine non possiamo non menzionare il siero, l’utilizzo di un siero viso indicato alla propria tipologia di pelle è però fondamentale. Il siero aiuta ad aumentare sia l’idratazione che le difese naturali della pelle. Shiseido Ultimune ad esempio, rafforza il sistema di difesa della pelle e lo aiuta a combattere lo stress. Successivamente, è importante applicare una crema idratante ricca di acido ialuronico, per compensare la perdita di idratazione provocata dai cambiamenti nella funzione barriera della pelle.

3. Gestire l’assenza di aria fresca:

La mancanza di aria fresca implica una difficoltà per la pelle nel mantenersi ossigenata e luminosa, soprattutto dal momento che la microcircolazione può essere rallentata a causa dell’assenza di esercizio fisico, che stimolerebbe la pressione sanguigna. Le cellule sono prive di nutrienti, le loro funzioni rallentano e anche il drenaggio linfatico viene colpito. Con il passare dei giorni, la pelle diventa più spenta, pallida e sempre più fragile. Gli impianti di riscaldamento solitamente vengono impostati a temperature troppo alte anche con l’arrivo della primavera, ulteriore fattore che contribuisce alla disidratazione. La ricerca di Shiseido ha dimostrato che un ambiente eccessivamente riscaldato danneggia il sistema di difesa della pelle, mentre un ambiente fresco favorisce una proliferazione ottimale delle cellule.

Tra la fase di detersione della pelle e quella dello skincare, è importante dedicare del tempo al massaggio dei prodotti sulla tua pelle, per aiutare a stimolare la microcircolazione e il metabolismo cellulare.
Prima di iniziare con la routine skincare è consigliato passare le mani sotto l’acqua fredda per rinfrescarle e stimolare ulteriormente la pelle. La temperatura è un fattore importante per il benessere della nostra pelle, è opportuno infatti, impostare il proprio termostato alla giusta temperatura, soprattutto in camera da letto. Le temperature superiori ai 20 °C potrebbero inibire la rigenerazione cellulare.

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento